Il Presidente
URPEL
posta certificata
RSS
mappa del sito
suggerimenti
accesso facilitato
 
ISTITUZIONE
 
Albo 
Pretorio Virtuale

 
Trasparenza, valutazione e merito

SEZIONI
SCELTI PER VOI
Comuni
 Scegli il tuo percorso
Provincia di Piacenza
Sei il visitatore n░ 5327619
IN PRIMO PIANO
Comunicato del 20/03/2012
Clicca per ingrandire l'immagine Innovazione produttiva e qualificazione accoglienza turistica sul territorio rurale: risorse per oltre 1 milione e mezzo di euro
Presentati in Provincia i due avvisi pubblici attivati dal Gal Soprip. L'assessore Pozzi: ôUn'opportunitÓ per la filiera nel territorio montanoö


“Innovazione produttiva e commerciale dei prodotti agricoli e forestali e qualificazione dell'attività agrituristica. Sono questi gli obiettivi dei due bandi pubblici relativi al Piano di Sviluppo Rurale (Asse 4 Leader) presentati questa mattina in Provincia alla presenza dell'assessore all'Agricoltura Filippo Pozzi e del Gal (Gruppo di azione locale) Soprip attivo nelle province di Piacenza e Parma. "I due interventi - ha illustrato Pozzi - vanno nella direzione di promozione delle iniziative di filiera nell'area della montagna. Per la prima volta l'accesso ai bandi è aperto non solo alle imprese agricole e alle piccole e medie imprese in forma associata, ma anche ai soggetti in forma singola”.
Al bando di “Sostegno a progetti pilota di innovazione produttiva e commerciale dei prodotti agricoli e forestali” (Misura 411 azione 7) sono stati destinati 682.292,80 euro: “L'obiettivo -  ha illustrato Giuseppe Orlandazzi, responsabile territoriale di Soprip - è quello di sostenere azioni innovative e sperimentali nei comparti della produzione, trasformazione e commercializzazione di specifiche produzioni tipiche e di qualità”. Il bando, già pubblicato in data 15 marzo (in scadenza il 13 giugno 2012) e disponibile sul sito internet www.galsoprip.it, si propone infatti di promuovere progetti integrati che permettano di unificare in un solo “disegno progettuale” i vari momenti che caratterizzano la vita del prodotto, dalla coltivazione all'allevamento fino alla lavorazione ed infine alla commercializzazione in una logica di continuità e permanenza del prodotto nel proprio territorio di appartenenza. I beneficiari dell'avviso pubblico sono le imprese agricole e le piccole e medie imprese in forma associata (cooperative, consorzi o associazioni temporanee di impresa) o, si diceva, singola. Tra le produzioni ammesse: patate, carne, viticoltura, suino brado di Piacenza, latte e formaggio, castagne, olivicoltura, cavallo bardigiano, cereali, piccoli frutti e prodotti del sottobosco, tartuficoltura, legno e prodotti agricoli freschi.
Al bando “Attivazione con approccio Leader della Misura 311 - Diversificazione in attività non agricole - Agriturismo” sono stati invece destinati 881.781 euro, con la prospettiva, come ha aggiunto il direttore di Soprip Edoardo Terenziani, “di incrementare il fondo fino a 1 milione di euro”. L'obiettivo del bando (che sarà aperto il 28 marzo e scadrà il 26 luglio 2012) è qualificare il sistema dell'accoglienza turistica nel territorio rurale, sostenendo le attività agrituristiche. Tra gli interventi ammissibili sono compresi il recupero, la ristrutturazione, l'ampliamento dei fabbricati e l'allestimento di camere e locali utilizzati per l'attività agrituristica, oltre all'acquisto di attrezzature informatiche. “L'invito ai beneficiari dei due avvisi pubblici – ha detto il presidente di Soprip Alessandro Cardinali – è quello di proporre progetti concretizzabili: troppe volte il cofinanziamento sugli interventi di Sviluppo rurale non produce gli effetti desiderati, costringendo a tenere in stand by risorse che potrebbero essere destinate ad altri importanti interventi a favore del territorio”. Presenti all'incontro di questa mattina anche la dirigente del Servizio Agricoltura della Provincia Bianca Rossi, Laura Barbieri e Stefano Cavanna di Coldiretti, Giovanni Marchesi di Confagricoltura e Michele Maffini coordinatore di Assoagriturismi Piacenza.


20/03/2012 - A cura dell'Ufficio Stampa della Provincia di Piacenza