Il Presidente
URPEL
posta certificata
RSS
mappa del sito
suggerimenti
accesso facilitato
ISTITUZIONE
 
Albo 
Pretorio Virtuale

 
linee programmatiche di mandato 2009/2014

 
Trasparenza, valutazione e merito

 
Sussidiarietà

SEZIONI
SCELTI PER VOI
Comuni
 Scegli il tuo percorso

Provincia di Piacenza


Sei il visitatore n° 4831089
IN PRIMO PIANO
Comunicato del 21/03/2012
Clicca per ingrandire l'immagine Nuova Ato, sei sindaci per l'ufficio di presidenza. Prima riunione in Provincia
Il presidente (e coordinatore della neonata Agenzia) Trespidi: 'I nostri obiettivi, gestione partecipata e maggiore forza nell'area vasta regionale'


Prima riunione del Consiglio locale di Piacenza dell’Agenzia Territoriale dell'Emilia Romagna per i servizi idrici e rifiuti, l’ente che ha sostituito l’Autorità d’Ambito. A presiedere l’assemblea dei sindaci piacentini – al via questo pomeriggio sala consiliare di palazzo Garibaldi – il presidente della Provincia Massimo Trespidi, al suo fianco il dirigente dell'Agenzia Vittorio Silva e Alessandra Neri, responsabile amministrativa e contabile della liquidazione delle Ato, a seguito della loro soppressione e trasformazione sancita dalla legge regionale del dicembre scorso. Il Consiglio locale, che si è riunito nella sala del Consiglio Provinciale, ha approvato l’accordo per la costituzione dell’Ufficio di presidenza e la sua composizione. Oltre al coordinatore, il presidente della Provincia Massimo Trespidi e al rappresentante piacentino al consiglio d’ambito regionale, il sindaco di Piacenza Roberto Reggi, nel Consiglio locale sono stati eletti i seguenti sindaci: Fabio Callori (Caorso), Simone Mazza (Bettola), Raffaele Veneziani (Rottofreno), Alessandro Ghisoni (Podenzano), Claudia Borrè (Zerba), Gianluigi Molinari (Vernasca) e, come supplenti, Roberto Barbieri (Borgonovo) e Rosario Milano (Alseno). “La scelta di avvalersi dell’ufficio di presidenza – ha spiegato il presidente (e coordinatore) Trespidi – nasce dalla volontà condivisa di costruire una gestione partecipata dei servizi idrici e dei rifiuti e di avere maggiore forza e incisività nella nuova ‘area vasta’ che la Regione ha voluto costituire”.

21/03/2012 - A cura dell'Ufficio Stampa della Provincia di Piacenza