Il Presidente
URPEL
posta certificata
RSS
mappa del sito
suggerimenti
accesso facilitato
 
ISTITUZIONE
 
Albo 
Pretorio Virtuale

 
Trasparenza, valutazione e merito

SEZIONI
SCELTI PER VOI
Comuni
 Scegli il tuo percorso
Provincia di Piacenza
Sei il visitatore n░ 5223840
IN PRIMO PIANO
Comunicato del 23/05/2012
Clicca per ingrandire l'immagine Siti Rete Natura 2000: la Provincia incontra i comuni della fascia montana
Nuove misure Sic e Zps, l'assessore Barbieri:'La necessaria tutela ambientale deve essere unita alle esigenze di chi vive nei siti protettiö


Continua il percorso partecipato promosso dalla Provincia di Piacenza per l'approvazione delle Misure Specifiche di Conservazione e dei Piani di Gestione dei siti Rete Natura 2000 (Sic e Zps) presenti nel territorio piacentino (complessivamente 16 per un totale di 27mila ettari). L'assessore provinciale alla Programmazione e allo Sviluppo economico del territorio Patrizia Barbieri ha incontrato nel pomeriggio di ieri i rappresentanti dei comuni di montagna (Valnure, Valdarda e Valtrebbia) che ospitano sul territorio siti protetti. Insieme a loro, i Comunelli e gli enti che si occupano della gestione delle risorse idriche hanno evidenziato criticità e proposte in vista della redazione delle nuove misure di regolamentazione della vita all'interno delle zone protette, ponendo particolare attenzione alle procedure burocratiche imposte dai Sic (Siti di importanza comunitaria) e dalle Zps (Zone di protezione speciale). Diverse le richieste giunte dal territorio: dalla contrazione dei tempi delle valutazioni di incidenza all'alleggerimento della burocrazia per andare incontro alla popolazione, dal ripristino di vecchi sentieri all'accesso a contributi-risarcimenti per chi vive all'interno del sito protetto, da una maggiore libertà di intervenire a favore dello stesso territorio all'isolamento degli eventi sportivi al di fuori delle aree tutelate. “E' giusto - hanno detto i rappresentanti dei comuni delle tre vallate - tutelare il patrimonio ambientale, ma non dimentichiamo di non danneggiare l'uomo, prima sentinella del territorio in montagna”. Un punto, quest'ultimo, pienamente condiviso dall'assessore Barbieri, che ha ricordato l'importanza di arrivare alle nuove Misure di conservazione e ai nuovi Piani di gestione in maniera partecipata. “La montagna - ha fatto presente l'assessore Barbieri - combatte ogni giorno contro lo spopolamento. E' giusto, anche per questo motivo, miscelare la necessaria tutela ambientale con le esigenze socio-economiche del territorio e, soprattutto, di chi vive nei siti in questione”. Particolarmente apprezzato, infine, dai partecipanti il metodo individuato dalla Provincia per una reale e fattiva condivisione dei temi trattati.
Gli incontri con le istituzioni e i diversi portatori di interesse saranno accompagnati da riunioni aperte ai cittadini e alle associazioni: in particolare gli appuntamenti di giovedì 31 maggio (dalle 15 alle 17 nella sala Consiglio della Provincia di Piacenza - corso Garibaldi 50), giovedì 7 giugno (dalle 15 alle 16,30 nella sala Consiglio del Municipio di Bettola - piazza Colombo 10) e giovedì 14 giugno (dalle 15 alle 16,30 nella sala riunioni della Comunità montana Appennino piacentino in via Garibaldi 48 a Bobbio) saranno rivolte al pubblico. Il calendario completo degli incontri istituzionali e di quelli dedicati alle associazioni e ai cittadini è comunque disponibile sul sito internet della Provincia di Piacenza www.provincia.pc.it (nella sezione Territorio e sottosezione Percorso partecipato per la redazione delle Misure Specifiche di Conversazione e dei Piani di Gestione o al seguente link).
Durante l'incontro di ieri pomeriggio, a presentare le caratteristiche ambientali dei siti Rete Natura 2000 sono stati il referente del percorso partecipato Francesco Maiorana, l'esperto faunistico Andrea Ambrogio e l'esperto botanico Barbara Raimondi. Come ha ricordato in chiusura dei lavori il dirigente del settore Pianificazione e Programmazione del Territorio Davide Marenghi,  “l'approvazione definitiva dei documenti è in programma per marzo 2013, ma già dalle prossime settimane la Provincia, nei diversi incontri in calendario, raccoglierà i contributi e le indicazioni in arrivo dal territorio da inserire nella bozza dei nuovi piani di gestione e delle misure di conservazione”.

23/05/2012 - A cura dell'Ufficio Stampa della Provincia di Piacenza