Il Presidente
URPEL
posta certificata
RSS
mappa del sito
suggerimenti
accesso facilitato
 
ISTITUZIONE
 
Cantieri aperti: i lavori sulla viabilità e sul patrimonio edilizio
 
Albo 
Pretorio on-line

 
Trasparenza, valutazione e merito

SEZIONI
SCELTI PER VOI
Comuni
 Scegli il tuo percorso
Provincia di Piacenza
Sei il visitatore n░ 8712692
Home >> Territorio >> Logistica

A chi rivolgersi:

Servizio: "Territorio e Urbanistica, Sviluppo e trasporti, Sistemi Informativi, Assistenza agli Enti Locali"

Antonio Colnaghi
Corso Garibaldi 50
29121 Piacenza
Tel. 0523/795299
Fax. 0523/795366
E-mail: a.colnaghi@provincia.pc.it 
 

Il territorio piacentino si configura - nei confronti dei principali porti liguri e di Genova in particolare - quale piattaforma logistica retroportuale distributiva “naturale” a sud di Milano, in posizione baricentrica nella pianura padano-veneta, essendo fortemente integrato con i corridoi transnazionali stradali e ferroviari della rete europea TEN-T in via di realizzazione (si consideri la sua prossimità alle quattro direttrici europee Lisbona-Kiev, Genova-Rotterdam, Berlino-Palermo, Adriatico-Baltico), e caratterizzato inoltre da elevate potenzialità rispetto alla co/multimodalità, all’innovazione ed alla sostenibilità ambientale dei sistemi di trasporto.
Grazie al suo posizionamento strategico, l’area piacentina è stata investita negli ultimi anni da un consistente sviluppo di imprese logistiche nazionali ed internazionali, che manifestano – in relazione ai loro flussi di import-export - esigenze legate al miglioramento continuo delle condizioni di trasporto delle merci. Ad oggi sono quasi 6.500 gli addetti che operano nel settore trasporti e logistica. In particolar modo quest’ultima è passata dai 694 operatori del 1991 ai 2.566 del 2009. Le superfici dedicate coprono un’area di 2milioni e 578mila metri quadrati in città e di 4milioni e 868mila in provincia.
A livello nazionale, sia nel “Programma delle infrastrutture strategiche 2009-2013” che all’interno del “Piano nazionale della logistica”, Piacenza rappresenta una delle sette piattaforme logistiche integrate del Nord-ovest da implementare. Analogamente, la Regione Emilia-Romagna assegna all’area piacentina importanti funzioni in campo logistico/trasportistico, così come evidenziato nel principale strumento della programmazione di settore regionale, il Piano Regionale Integrato dei Trasporti (PRIT 2012-2020) in cui Piacenza è uno dei nodi logistici regionali principali.
Il miglioramento continuo della governance del comparto logistico piacentino è un punto importante dell’azione istituzionale della Provincia di Piacenza, che si esprime a partire innanzitutto dal piano territoriale di coordinamento – PTCP, il quale nel riconoscere le specificità e la rilevanza della logistica a livello locale, cerca di indirizzarne gli sviluppi principalmente in un’ottica di area vasta, secondo obiettivi di riduzione delle esternalità negative e di aumento dei livelli di efficienza del sistema da un lato e di maggior sostenibilità, valore aggiunto e crescita dell’indotto dall’altro.
L’amministrazione provinciale, per raggiungere questi obiettivi ha svolto in particolare le seguenti attività:

    • Ha realizzato, in qualità di capofila, il progetto internazionale dell’associazione di province europee Arco Latino  “I sistemi territoriali locali della logistica e del trasporto merci: esperienze di Arco Latino a confronto. L’indagine ha visto la partecipazione, oltre che della Provincia di Piacenza, anche della Provincia di Novara e delle Diputacion spagnole di Lleida, Girona e Tarragona, tutte aree con una forte specializzazione in campo logistico/trasportistico. Oltre a queste, è stato considerato anche il cluster PACA Logistique di Marsiglia. I risultati dell’indagine sono stati presentati nell’ambito di una conferenza finale che si è svolta a Piacenza il 22 novembre 2011 (vedere pagina internet dedicata all’interno della sezione “Territorio”);

    • ha istituito – capitalizzando l’esperienza di Arco Latino - il Tavolo provinciale delle logistica, composto dai rappresentanti degli enti locali coinvolti, dalle associazioni di categoria piacentine, dalla Regione Emilia-romagna, con il compito di sviluppare relazioni operative con il porto di Genova ed sistema portuale ligure più in generale nonché azioni per il miglioramento dell’intermodalità ferroviaria;

    • ha partecipato – sempre tramite l’associazione Arco Latino - al gruppo di lavoro sulle TEN T del Comitato delle Regioni dell’Unione europea a Bruxelles, portando all’attenzione del gruppo i risultati del progetto di cui è stata capofila;

    • ha costituito nell’aprile 2012 con l’Autorità portuale di Genova e la Regione Emiila-Romagna un Tavolo Tecnico della Logistica, allargato anche agli operatori privati interessati, con il compito di verificare nel dettaglio concreti ambiti di intervento, nonchè di individuare, tra l’altro, nuovi strumenti da utilizzare per esercitare nuove forme di indirizzo e coordinamento di nodi logistici complessi e più articolati, in una dimensione porto-retroporto. Obiettivo specifico: la semplificazione delle pratiche doganali-portuali per le aziende e lo sviluppo delle infrastrutture immateriali per la velocizzazione delle operazioni e delle pratiche all'interno del porto ;

    • ha sottoscritto il 14 novembre 2012 – grazie al lavoro del Tavolo tecnico - un protocollo d’intesa con la Regione Emilia-Romagna e l’Autorità portuale di Genova, che identifica precise azioni da implementare, tra cui:

      • promuovere una diversa impostazione in tema di governance e di assetti organizzativi e relazionali delle diverse Amministrazioni coinvolte nel funzionamento del sistema, in un’ottica di area vasta;

      • aggiornare le informazioni sui flussi di traffico merci tra l’area piacentina e il sistema portuale ligure;

      • individuare gli interventi idonei ad una miglior distribuzione dei processi informativi, documentali ed operativi, ed alla semplificazione delle pratiche doganali / portuali;

      • favorire lo sviluppo organizzativo di servizi ferroviari di collegamento porto-retroporto;

      • definire una mappa di opportunità relativa ai rapporti tra i poli logistici piacentini ed il porto di Genova.

Tale iniziativa, che è stata recentemente estesa anche all’Autorità portuale della Spezia, è da considerare quale anticipazione di ulteriori interventi che i soggetti sottoscrittori intendono assumere per la costituzione e partecipazione ai sistemi logistici integrati previsti dal comma 1 dell’articolo 46 della legge 201/2011, nonché in base alla nuova legge sugli interporti;

    • sta infine partecipando – in qualità di partner e assieme ad “Arco Latino” - alla procedura di selezione in sede UE per il finanziamento del progetto internazionale ENPI CBC Med “EMEA Net di cui è capofila l’Autorità portuale della Spezia, finalizzato alla costruzione di uno spazio di cooperazione, allo scambio di buone prassi e all’elaborazione di specifiche indagini che coinvolgono i paesi dell’”Arco Latino” e i paesi della riva sud del Mediterraneo (Italia, Spagna, Francia, Libano e Giordania in particolare) sul tema del trasporto merci e della logistica.

 

Protocollo d’intesa tra la Provincia di Piacenza, l’autorità portuale di Genova e la Regione Emilia-Romagna”