Il Presidente
URPEL
posta certificata
RSS
mappa del sito
suggerimenti
accesso facilitato
 
ISTITUZIONE
 
Consuntivo di mandato 2014-2016
 
Albo 
Pretorio on-line

 
Trasparenza, valutazione e merito

SEZIONI
SCELTI PER VOI
Comuni
 Scegli il tuo percorso
Provincia di Piacenza
Sei il visitatore n░ 8292200
Home >> Territorio >> Paesaggio

A chi rivolgersi:
Servizio Programmazione e Territorio, Trasporti, Turismo e Attività Produttive
Arch. Elena Fantini
Corso Garibaldi 50
29121 Piacenza
Tel. 0523/795389
Fax. 0523/795366
E-mail:
elena.fantini@provincia.pc.it 

 



Commissione Regionale per il paesaggio (art. 40-duodecies della L.R. n. 20 del 2000 e s.m.e i.)

Competenze:
La Provincia, ai sensi dell’art. 40-duodecies della LR. n. 20/2000, partecipa alle attività della Commissione regionale per il paesaggio. La Commissione, insediata il 29 giugno 2011, ha il compito di formulare e valutare le proposte di apposizione di vincolo paesaggistico su aree e immobili ritenuti di notevole interesse pubblico ai sensi dell’art. 136 del Codice dei beni culturali e del paesaggio (D. Lgs. n. 42/2004);
in particolare, di propria iniziativa ovvero su istanza presentata dalla Regione, dalla Provincia, dal Comune o dai Comuni interessati, dal Direttore regionale per i beni culturali e paesaggistici dell'Emilia-Romagna del Ministero per i beni e le attività culturali, provvede a proporre:

  • la dichiarazione di notevole interesse pubblico paesaggistico, di cui all'articolo 140 del D. Lgs. n.42/2004 specificando le prescrizioni, le misure e i criteri di gestione degli ambiti individuati e i relativi interventi di valorizzazione;

  • la verifica e aggiornamento della dichiarazione di notevole interesse pubblico paesaggistico, qualora siano venute a mancare ovvero siano oggettivamente mutate le esigenze di tutela del bene;

  • l'integrazione delle dichiarazioni di notevole interesse pubblico di cui all'articolo 141-bis del D. Lgs. n.42/2004 di competenza regionale.


Composizione attuale:
Atto Decreto Presidente Giunta RER n.166 del 16 luglio 2010


Normativa:
Legge Regionale 20/2000: "Disciplina generale sulla tutela e l'uso del territorio"
D.Lgs. n. 42/2004: "Codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dell'articolo 10 della legge 6 luglio 2002, n. 137" 



Dichiarazione di notevole interesse pubblico paesaggistico del Monte Pillerone ľ Castello di Montechiaro ľ Comuni di Travo e Rivergaro (Pc)

Per consultazione più rapida dei files, vi invitiamo a salvarli sul vostro pc prima di aprirli.

  • DGR. n. 1830 del 11/11/2014 - Approvazione ai sensi dell'art. 138, comma 3, del D.lgs. N. 42 del 2004 e dell'art. 40 - DUODECIES della L. R. N. 20 del 2000 della dichiarazione di notevole interesse pubblico paesaggistico denominato "DICHIARAZIONE DI NOTEVOLE INTERESSE PUBBLICO PAESAGGISTICO DEL MONTE PILLERONE - CASTELLO DI MONTECHIARO - COMUNI DI TRAVO E RIVERGARO (PC)" e contestuale revoca e sostituzione del vincolo paesaggistico già istituito con DM 1/8/1985

  • Allegati

Per approfondimenti:
http://territorio.regione.emilia-romagna.it/paesaggio/beni-paesaggistici/commissione-regionale-per-il-paesaggio-1



Paesaggi Rurali: strumenti di valorizzazione per la Valtidone e la Val d'Arda

Venerdì 15 maggio 2015 ore 9.30 - Sala Garibaldi - Presentazione esiti delle attività laboratoriali

Si è conclusa l'iniziativa  formativa in materia di pianificazione e tutela del paesaggio organizzata dalla Regione Emilia-Romagna in collaborazione con la Direzione Regionale del MiBACT e l’ANCI Emilia-Romagna rivolta a funzionari pubblici e liberi professionisti impegnati nelle trasformazioni del paesaggio rurale.
A partire dall'illustrazione degli esiti dei laboratori, la Regione ha promosso un dibattito in ambito locale, coinvolgendo i diversi attori presenti sul territorio e sollecitando potenziali percorsi da sviluppare nelle aree di studio, come nel più vasto ambito delle aree collinari-montane, anche alla luce della nuova fase di programmazione regionale del PSR 2014-2020.

L'incontro ha rappresentato un'occasione di riflessione sugli scenari e sulle politiche di valorizzazione delle economie agricole e dei paesaggi collinari della Val d'Arda e della Valtidone.

L'evento è stato accreditato presso l'Ordine degli Agronomi, Architetti  e dei Geologi.