Il Presidente
URPEL
posta certificata
RSS
mappa del sito
suggerimenti
accesso facilitato
 
ISTITUZIONE
 
Cantieri aperti: i lavori sulla viabilità e sul patrimonio edilizio
 
Albo 
Pretorio on-line

 
Trasparenza, valutazione e merito

SEZIONI
SCELTI PER VOI
Comuni
 Scegli il tuo percorso
Provincia di Piacenza
Sei il visitatore n░ 8578959
Home >> Infanzia e adolescenza >> Promozione diritti infanzia e adolescenza

A chi rivolgersi:

Servizio: "Polizia Provinciale, Ufficio di Presidenza, Istruzione e Formazione, Pari Opportunità"


Corso Garibaldi, n. 50
29121 Piacenza
Tel. 0523/795832
Fax 0523/795787
E-mail: diritti.minori@provincia.pc.it

Competenze:
N.B. in ragione dell'assetto organizzativo interno si indicano le sole competenze ricondotte al Settore sistema scolastico e servizi alla persona e alla comunità. Per ulteriori riferimenti vedi Sezione Politiche Sociali
La Provincia in qualità di ente intermedio:
istituisce il Coordinamento tecnico provinciale per l'infanzia e l'adolescenza e ne assicura il funzionamento.
fornisce dati informativi all'Osservatorio regionale infanzia e adolescenza.
Il Coordinamento tecnico provinciale:
a) collabora alla redazione della proposta del Programma provinciale per l'accoglienza e la tutela dei minori (vedi Sezione Politiche Sociali)
b) contribuisce alla promozione della cultura dell'infanzia e dell'adolescenza, anche a supporto delle politiche provinciali e locali
c) fa proposte per superare gli squilibri territoriali e per la diffusione di buone prassi
d) propone un componente effettivo ed uno supplente per la commissione di cui all'articolo 13 del decreto legislativo 28 luglio 1989, n. 272 Norme di attuazione, di coordinamento e transitorie del decreto del Presidente della Repubblica 22 settembre 1988, n. 448, recante disposizioni sul processo penale a carico di imputati minorenni - (LR 14/2008 art.21 lett.d).

La Provincia deve inoltre operare perchè le politiche sociali di propria competenza (nel cui ambito rientrano gli interventi per linfanzia e l'adolescenza) siano raccordate con le attività proprie delle strutture educative e scolastiche, che vanno sostenute nei loro progetti.

Normativa:
- Legge Regionale 28 luglio 2008 n. 14 Norme in materia di politiche per le giovani generazioni;
- Piano Sociale e Sanitario Regionale 2008-2010.
- Atto di indirizzo e coordinamento provinciale per il triennio 2009-2011 della Conferenza territoriale sociale e sanitaria.



Il Coordinamento tecnico provinciale infanzia e adolescenza

La Legge regionale 14/2008 "Norme in materia di politiche per le giovani generazioni", stabilisce che "presso ogni Provincia è istituito un coordinamento tecnico per l'infanzia e l'adolescenza , che assume le competenze di tutti i coordinamenti esistenti a livello provinciale in materia sociale e socio-sanitaria riguardante l'infanzia e l'adolescenza..." (art.21).
Presso la Provincia di Piacenza, il Coordinamento tecnico è stato costituito con determinazione dirigenziale n.1288 del 23.06.11, e vi si è giunti attraverso un percorso consultivo a vasto raggio, che ha prodotto un risultato di pieno riscontro.
Il Gruppo si è insediato in data 25 luglio 2011 ed  ha avviato il proprio programma di lavoro.



Interventi per la promozione dei diritti e il raccordo con le politiche educative/scolastiche
       Si indicano qui gli interventi successivi alla LR 14/08 e all' adozione del Piano Sociale e Sanitario Regionale 2008-2010:
- Fra diritti e responsabilità. Promuovere la cultura dell'infanzia e dell'adolescenza Seminario di studi. 9 Febbraio e 10 Marzo 2009.
- Responsabilità educative e responsabilità sociali. Seminario di studio per docenti delle scuole superiori della provincia di Piacenza. 8 Ottobre 2008.
- Sostegno educativo: interventi formativi e di accompagnamento negli Istituti di istruzione secondaria di II grado Tecnici e Professionali. A.s. 2008/2009.
L'intervento è proseguito nell'a.s. in corso 2009/2010

Garante per l'infanzia e l'adolescenza

Con la Legge 12 Luglio 2011 n. 112 l'Italia, dopo un travagliato iter parlamentare e dopo che molti progetti di legge si erano arenati nelle precedenti legislature, ha finalmente accolto quelle sollecitazioni e ha istituito l'Autorità Garante per l'infanzia e l'adolescenza.
Ad essa la legge attribuisce il compito di assicurare a livello nazionale la piena attuazione e la tutela dei diritti e degli interessi delle persone di minore età, in conformità di quanto disposto dalla Convenzione delle N.U. sui Diritti dell'Uomo, dalla Convenzione europea sull'esercizio dei diritti dei fanciulli, nonché dal diritto dell'Unione Europea e della normativa costituzionale e nazionale vigente.