Il Presidente
URPEL
posta certificata
RSS
mappa del sito
suggerimenti
accesso facilitato
 
Elezioni Provinciali 2014

ISTITUZIONE
 
Albo 
Pretorio Virtuale

 
linee programmatiche di mandato 2009/2014

 
Trasparenza, valutazione e merito

 
Sussidiarietà

SEZIONI
SCELTI PER VOI
Comuni
 Scegli il tuo percorso
Sei il visitatore n° 4972037

A chi rivolgersi:
Promozione dell'associazionismo e della cittadinanza
Via Mazzini 62
29121 Piacenza
Maurizio De Bernardi
Tel. 0523/795535 
Fax 0523/795517
E-mail:
promwelfare@provincia.pc.it

Orari: dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 13.00. Al di fuori di tale orario, previo appuntamento con gli operatori interessati.

Competenze:
La Provincia, ai sensi dell'art. 4, lettera a) della L.R. 5/04, partecipa alla definizione ed attuazione dei piani di zona previsti dalla legge regionale n. 2 del 2003, in materia di interventi sociali rivolti a cittadini stranieri, con compiti di coordinamento, monitoraggio e predisposizione di specifici piani e di programmi provinciali per l'integrazione sociale dei cittadini stranieri.



Il programma 2012

La formulazione del Programma provinciale a sostegno delle politiche sociali. Area Immigrazione, approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n.107 del 17.05.2012, ha ricevuto dalla Regione Emilia-Romagna un finanziamento specifico di 15.170,40 €.

Il Programma, relativamente all’Area Immigrazione, si articola in tre progetti esecutivi a valenza provinciale:



Forum
Il Forum Provinciale dell'Immigrazione vuole essere lo strumento per favorire la partecipazione dei cittadini stranieri alla vita pubblica locale. E' nato su iniziativa dell'Amministrazione provinciale di Piacenza nell'ambito del progetto Laboratorio di cittadinanza avviato dal 2006 sul territorio.
Sabato 12 Ottobre 2013 si è tenuto presso l’Aula Magna dell’Istituto Raineri-Marcora di Piacenza il Forum Provinciale dell’Immigrazione, organizzato dalla Provincia di Piacenza, presieduto dall’Assessore al Welfare Pierpaolo Gallini, rientrante nel Piano di iniziative a favore dell’integrazione dei cittadini stranieri.
All’evento hanno portato i saluti i rappresentanti dei Distretti. I tecnici hanno poi illustrato le attività svolte in materia di immigrazione e integrazione.
Gli Istituti di scuola superiore della provincia di Piacenza coinvolti nel progetto che hanno portato un contributo significativo relativo alle tematiche dell’immigrazione e dell’integrazione sono:   
- Istituto Mattei di Fiorenzuola d’Arda
- Istituto Casali di Piacenza
- Istituto Tecnico Commerciale Volta di Borgonovo V.T.
- IPSIA di Piacenza
- Istituto Raineri-Marcora di Piacenza.
Inoltre, gli studenti dell’Istituto Raineri-Marcora, che hanno evidenziato il ruolo del cibo come veicolo di cultura e integrazione, hanno proposto delle ricette provenienti dal loro paese d’origine e anche ricette “integrate” in cui i loro prodotti tipici si mescolano con i nostri.


Rete territoriale contro le discriminazioni

SPORTELLO ANTIDISCRIMINAZIONE



Link


Richiedenti asilo e rifugiati
          Il progetto “Emilia-Romagna terra d’asilo” è un’iniziativa che nasce nel 2005 da un Protocollo d’intesa in materia di richiedenti asilo e rifugiati, sottoscritto nel 2004 da Regione, Enti Locali (tra cui la Provincia di Piacenza), organizzazioni sindacali e realtà del terzo settore.
Promosso dalla Regione Emilia-Romagna e coordinato dalla Provincia di Parma, il progetto conta attualmente 39 partner fra Enti Locali (la Provincia di Piacenza ha aderito dal 2006), realtà del terzo settore ed organizzazioni sindacali ed ha fra i suoi obiettivi principali:
  1. attività di osservazione e monitoraggio delle condizioni di vita della popolazione rifugiata presente sul territorio;
  2. formalizzazione di rapporti di collaborazione e partnership con istituzioni allo scopo di scambiare dati/informazioni, ovvero realizzare azioni congiunte per la promozione della tematica dell’asilo;
  3. attività di sensibilizzazione/informazione rivolte sia alla cittadinanza che agli amministratori;
  4. attività di formazione/confronto fra amministratori e operatori.


Piano territoriale provinciale sulla lingua italiana per cittadini extracomunitari - 2012

La Giunta Regionale con Deliberazione n. 880 del 25/06/2012 ha assegnato alla Provincia di Piacenza un finanziamento pari a € 19.421,00 per la realizzazione del Piano territoriale provinciale di intervento finalizzato alla diffusione della conoscenza della lingua italiana per cittadini extracomunitari. Nell’ambito di tale progetto, vengono realizzati dal Centro Territoriale Permanente Calvino 5 corsi di lingua italiana come L2 di livello A2 nel Distretto di Piacenza, dal Centro Territoriale Permanente di Fiorenzuola d’Arda 4 corsi di lingua italiana come L2 di livello A2 nel Distretto di Levante e dal Centro Territoriale Permanente di Castel San Giovanni 3 corsi di lingua italiana come L2 di livello A2 nel Distretto di Ponente.



Parole in gioco

Avvio di un sistema regionale di sostegno alla lingua italiana ed educazione civica. Progetto Fondo Europeo per l’integrazione di cittadini di paesi terzi – 2010, Azione 1

La Provincia di Piacenza, con Deliberazione di Giunta Provinciale 114 del 27/05/2011, ha aderito in qualità di partner al progetto, elaborato dalla Regione Emilia-Romagna, “Parole in gioco: Avvio di un sistema regionale di sostegno alla lingua italiana ed educazione civica” con il quale vengono realizzati corsi di lingua italiana di livello pre-A1, A1 e A2 e di educazione civica per cittadini extracomunitari. I corsi sono complementari alla formazione realizzata nell’ambito del “Piano territoriale provinciale di intervento finalizzato alla diffusione della conoscenza della lingua italiana per cittadini extracomunitari” in attuazione dell’Accordo Regione Emilia-Romagna – Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.
Nell’ambito di questo progetto è stata realizzata, tra l'altro, la rilevazione dell’offerta formativa esistente al fine di sostenere la diffusione delle informazioni sulle opportunità di formazione linguistica e facilitare l’accesso ai destinatari.
Il progetto “Parole in gioco” prevede inoltre azioni di sistema quali la predisposizione di Protocolli di Intesa per il sostegno e la diffusione della conoscenza della lingua italiana ed educazione civica rivolta ai cittadini stranieri adulti: con Deliberazione di Giunta Provinciale 126 del 15/06/2012 la Provincia di Piacenza ha approvato il Protocollo di Intesa in materia di diffusione della conoscenza della lingua italiana per cittadini straniere adulti.



Parole in gioco 2

Consolidamento ed estensione del sistema regionale di sostegno alla conoscenza della lingua italiana ed educazione civica. Progetto Fondo Europeo per l’Integrazione di cittadini di paesi terzi – 2011, Azione 1
In continuità con il progetto FEI “Parole in gioco: avvio di un sistema regionale di sostegno alla conoscenza della lingua italiana ed educazione civica” attuato per l’Annualità 2010, la Provincia di Piacenza, con Deliberazione di Giunta Provinciale 155 del 20/07/2012, ha aderito in qualità di partner al progetto, elaborato dalla Regione Emilia-Romagna, “
Parole in gioco 2: consolidamento ed estensione del sistema regionale di sostegno alla conoscenza della lingua italiana ed educazione civica” con il quale vengono realizzati corsi di lingua italiana di livello pre-A1, A1 e A2 e di educazione civica per cittadini extracomunitari. I corsi sono complementari alla formazione realizzata nell’ambito del “Piano territoriale provinciale di intervento finalizzato alla diffusione della conoscenza della lingua italiana per cittadini extracomunitari
” in attuazione dell’Accordo Regione Emilia-Romagna – Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.



Rete RIRVA
Con Deliberazione di Giunta Provinciale 245 del 30/11/2012, la Provincia di Piacenza ha aderito, in qualità di punto di sensibilizzazione, alla Rete Italiana per il Ritorno Volontario Assistito (RIRVA). Il progetto prevede il consolidamento e l’animazione della Rete Nazionale formalizzata dal 2009 dal progetto NIRVA per promuovere una capillare informazione sulla misura del rimpatrio volontario assistito a migranti, realtà operative e cittadinanza, una maggiore conoscenza e formazione sull’opzione tra i componenti, il raccordo e la segnalazione dei casi di migranti interessati ai progetti che attuano i rimpatri.

Normativa