EIGHT: 69px' alt='' width='468' height='135' src='http://www.provincia.pc.it/Immagini/Articoli/img1394703787.jpg' />

La Provincia tramite l'Assessorato alle Politiche Govanili ha gestito con successo nel 2011 un Progetto sulla sicurezza stradale denominato GINS- giovani in sicurezza, cofinaziato dall'UPI e nel 2012 l'iniziativa Swago Bus- Bus della notte in collaborazione con la Fondazione di Piacenza e Vigevano.
Il tema della sicurezza stradale per i giovani continua ad essere una priorità per il mio Assessorato.
A tal proposito per quest'anno abbiamo pensato di mettere a frutto l'esperienza maturata con i precedenti progetti riunendoli in uno denominato “SAFETY’S NETWORK” .
Il tema della sicurezza stradale richiede un’azione di rete, ossia di network da cui fare emergere una risposta condivisa e ampia dei giovani.
La sicurezza stradale è infatti una materia di cui i ragazzi parlano poco e, quando ne parlano, ciò accade per lo più a scuola o quando accadono gravi incidenti che coinvolgono i giovani stessi. E’ quindi indispensabile creare un sistema di rete (e rafforzare quelli già esistenti) che permetta di parlare di questo tema formando e in-formando i giovani nell’obiettivo di raggiungere i traguardi previsti dall’Europa per il 2020 e per il 2050.

I punti d’incontro tra i giovani sono tre:
1 - social network,
2 – scuola,
3 - bar/ locali notturni.

Sulla base di questi tre punti è stata definita una strategia di intervento che prevede la realizzazione della Rete della sicurezza stradale della Provincia di Piacenza denominata “Safety’s network” con la messa in campo in particolare dei seguenti interventi:

a) FORMAZIONE A SCUOLA: organizzazione d'incontri di formazione in materia di sicurezza stradale nelle scuole rivolti ai ragazzi delle classi quarte/quinte degli Istituti superiori della provincia di Piacenza;

b) IN-FORMAZIONE NOTTURNA: organizzazione di quattro serate / notti d’in-formazione in materia di sicurezza stradale nei locali notturni della Provincia di Piacenza;

c) campagna informativa, mediatica e di promozione del “GUIDATORE DESIGNATO”.

La fase A: dal 24 marzo al 29 marzo 2014 saranno coinvolti circa 1000 studenti delle scuole superiori di tutta la provincia.
Il 24 marzo 2014 Conferenza stampa di presentazione nella quale verranno presentati i testimonial e le associazioni che collaborano al progetto.
Segui il progetto su Facebook



Progetti conclusi

 - SWA.GO BUS - Servizio BUS NOTTURNO per le discoteche 2012 (concluso)

Un servizio di trasporto notturno rivolto ai giovani per raggiungere i locali da ballo della provincia e i punti di ritrovo in città: è questa la filosofia del progetto Swa.go Bus, promosso della Provincia di Piacenza e dalla Fondazione di Piacenza e Vigevano in collaborazione con Anpas (Associazione nazionale Pubbliche assistenze) e il Liceo artistico "Bruno Cassinari", autore del logo del servizio.
A partitre dal 2 giugno per tutti i sabati fino al 28 luglio i giovani potranno usufruire gratuitamente di un servizio bus, organizzato su tre linee, che dai comuni piacentini raggiunge la città con tappa nei locali Sonnambula e Villa Comoedia: il servizio è organizzato attraverso alcuni punti di raccolta suddivisi per aree territoriali e verrà rivolto principalmente alla popolazione giovanile inferiore ai 20 anni (si stima che la popolazione servita sarà complessivamente pari all'83% della popolazione provinciale 15-20 anni). Il sistema è stato messo a punto con la collaborazione dei locali di divertimento piacentini, il sindacato italiano locali da ballo e la Consulta studentesta. Il loco Swa.go Bus è invece stato creato dagli studenti della classe IV A indirizzo grafico visivo del Liceo Cassinari e l'Anpas di Piacenza sarà presente sui bus per una campagna informatica rivolta ai ragazzi.

Tre sono i percorsi

Linea A:  Fiorenzuola, Cadeo, Pontenure, Piacenza, Gossolengo, Rivergaro e ritorno. Nel bacino di utenza dei 10 chilometri sono compresi i comuni di Alseno, Caorso, Cortemaggiore e Besenzone.

Linea B:  Castellarquato, Carpaneto, San Giorgio, Piacenza, Gossolengo, Rivergaro e ritorno. Nel bacino di utenza dei 10 chilometri sono compresi i comuni di Lugagnano, Vernasca e Podenzano.

Linea C:  Borgonovo, Castel San Giovanni, Sarmato, Rottofreno, Piacenza e ritorno. Nel bacino di utenza di 10 chilometri sono compresi i comuni di Ziano, Gragnano, Calendasco e Pianello.

Il servizio prevede una zona di interscambio a Piacenza nella quale, ad ora definita, si incontrano tutti i mezzi; i tempi di percorrenza massima saranno in media di un'ora.